L’opposizione politica ad Alessio I Comneno (1081-1118)

L’opposizione politica ad Alessio I Comneno (1081-1118)

Di João Vicente de Medeiros Publio Dias

Tesi di dottorato, Università di Magonza, 2020

Abstract: L’obiettivo della mia tesi è quello di esaminare l’ambiente politico e le lotte di potere durante il regno di Alessio I Comneno (1081-1118). Per un po’, l’interpretazione proposta da George Ostrogorsky ha fortemente influenzato il modo in cui la borsa di studio percepiva il regno di Alessio I. Questo autore afferma che lo scenario politico a Bisanzio nell’xi secolo fu segnato dalla lotta tra la burocrazia e l’aristocrazia terriera militare. La presa del potere da parte di Alessio I fu, quindi, la vittoria finale di quest’ultimo.

Un altro punto di vista importante è che, una volta al potere, Alessio I stabilì una regola familiare in cui i suoi parenti per sangue e per matrimonio avevano un ruolo potente, poiché detenevano le più alte cariche sia militari che amministrative e avevano un’influenza informale sull’imperatore. Ciò diede ad Alessio la forza politica di rimanere al potere e schiacciare l’aristocrazia civile che gli si opponeva. Entrambe le interpretazioni sono state parzialmente messe in discussione.

Sebbene gli approcci che percepiscono una divisione binaria tra burocrati e militari siano stati chiaramente smentiti, la loro eco può ancora essere ascoltata in lavori recenti. Alcune recenti borse di studio sul potere o sulle lotte intellettuali durante il suo regno ricorrono ancora ad argomenti che hanno un sapore dell’interpretazione binaria. Altri studiosi come Jean-Claude Cheynet respingono questa divisione binaria, ma vedono ancora gruppi relativamente fissi all’interno dell’élite dominante bizantina.

Il ruolo della famiglia di Alessio come fonte di sostegno politico è stato anche messo in discussione da studiosi, principalmente Peter Frankopan, che ha fatto ricerche approfondite sulle lotte di potere durante il suo regno. Anche se questa recente borsa di studio ha avanzato argomenti rilevanti, non è stato sufficiente per fornire una panoramica convincente di questo periodo chiave per la storia bizantina. Uno sguardo da vicino alle alleanze politiche che formavano i gruppi che sostenevano un imperatore o che si opponevano a lui dimostra che l’opposizione ad Alessio I non era formata da blocchi chiaramente delineati con obiettivi chiari. Era piuttosto caratterizzato da una vasta gamma di interessi a seconda della situazione politica esistente. La sua presunta mancanza di interesse nella riconquista dell’Anatolia, che, secondo l’attuale borsa di studio, è la più grande fonte dell’opposizione ad Alessio, può essere sfumata come una motivazione importante solo per un particolare movimento di opposizione osservato in un singolo episodio.

Un approccio sottile simile è anche importante per comprendere le relazioni tra l’imperatore e la sua famiglia. Sebbene i rapporti contemporanei o quasi contemporanei sembrino confermare l’importante ruolo svolto dalla famiglia imperiale, i suoi parenti non sostenevano automaticamente l’imperatore, il che richiede un’analisi più sfumata delle fonti. Presentano l’imperatore in costante negoziazione con i suoi parenti, a volte concedendo e talvolta riducendo il potere, a volte essendo autocratico, altre volte quasi sottomesso.

Oltre alle strategie ad hoc adottato dall’imperatore per creare un gruppo di sostenitori segnato da aprire contraddizioni, Alessio ho adottato e adattato diversi discorsi del progetto stesso pubblicamente, al fine di rafforzare il sostegno per il suo regime e scoraggiare l’opposizione, che respinge completamente l’immagine tradizionale di Alessio come un rozzo e brutale imperatore-soldato. Sebbene le sue strategie politiche e discorsive per energizzare i suoi sostenitori, cooptare gli avversari e reprimere l’opposizione fossero a volte infruttuose, erano spesso riuscite, il che permise un lungo regno e l’istituzione di una dinastia: chiari segni di trionfo politico a Bisanzio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *