I contorni della malattia e della fame nell’Europa carolingia e ottoniana (c. 750-c. 950 CE)

I contorni della malattia e della fame nell’Europa carolingia e ottoniana (c. 750-c. 950 CE)

Di Tim Newfield

Tesi di dottorato, McGill University, 2010

Abstract: Questa tesi è il primo esame sistematico delle prove testuali e materiali per la malattia e la fame in Europa carolingia e ottoniana, c.750 a c.950 CE. Si basa su documenti testuali medievali, tra cui annali, capitolari, cronache, concilia, corrispondenza, storie, gesta, poesia, polittici, biografie secolari, e vitae, così come numerosi archeologica moderna, paleobotanica, paleoclimatica, rapporti paleomicrobiologici e paleopatologici al fine di commentare le epidemie, epizootici, carenza di cibo e la linea di base o corrente di malattia non pestilenziale e fame cronica alla base di loro. Esamina innanzitutto la borsa di studio storico-scientifica su questi fenomeni e le metodologie intrinseche al loro studio.

Viene quindi affrontata l’evidenza della fame non pestilenziale e cronica, prima che le pestilenze e la carenza di cibo siano identificate nel tempo e nello spazio. Possiamo discernere circa trentadue epidemie in tempo di pace, dieci epizoozie, dieci carestie e dodici minori penurie. Una breve indagine sull’impatto e la risposta alle malattie e alla fame nell’Europa carolingia e ottoniana è presentata in conclusione.

La tesi dimostra che la malattia e la fame, in entrambe endemiche ed epidemiche forme, erano comuni in realtà per metà viii – attraverso la metà del decimo secolo dell’europa continentale popolazioni, e sostiene che le epidemie, epizoozie e di sussistenza crisi ha avuto un forte e di breve durata, ma forse cumulativo, con ripercussioni Carolingia e l’inizio degli ottoni demografica e, di conseguenza, la crescita economica, oltre a intensificare l’impatto di silent numero verde della linea di base di non-malattia pestilenziale, e la fame cronica. Le prove testuali affrontate nella tesi sono presentate in latino e inglese in tre appendici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *