Christine de Pizan: Articoli e tesi

Ecco un elenco di articoli, dissertazioni e tesi sulla scrittrice medievale Christine de Pizan che è possibile accedere online gratuitamente:

Tracy Adams, Christine de Pizan, Studi francesi, Vol. 71:3 (2017)

Christine de Pizan (c. 1365-1431)-scrittrice parigina nata a Venezia (anche se, come indica il suo nome, la sua famiglia fa risalire le sue origini a Pizzano, circa venticinque chilometri a sud di Bologna) — è spesso considerata come la prima persona in Francia, maschio o femmina, ad essersi guadagnata da vivere con la sua penna.

Frances Miley e Andrew Read, Coreografia del passato: contabilità e la scrittura di Christine de Pizan, Contabilità Storici Journal, Vol. 44:1 (2017)

Questa ricerca discute Il Tesoro della Città delle signore, un manoscritto scritto da Christine de Pizan in Francia durante l’inizio del XV secolo per dare indicazioni sulla contabilità e sul bilancio.

E. J. Nielsen, “Il libro della città delle signore ” di Christine de Pizan come lavoro di fan di bonifica, opere trasformative e culture, Vol.25 (2017)

In che modo i testi medievali possono essere considerati come opere di fan? Come potrebbero gli strumenti retorici degli studi sui fan o influenzare la teoria aiutare a comprendere ulteriormente questi testi? Allo stesso modo, possiamo usare la comprensione medievale della produzione letteraria per guardare le opere moderne dei fan al fine di complicare le nostre idee contemporanee di paternità?

Charlotte Cooper, Una rivalutazione delle relazioni testo-immagine nelle opere didattiche di Christine de Pizan, Tesi di dottorato, Università di Oxford, 2016

Sebbene le opere di Christine de Pizan siano state di interesse per gli studiosi per qualche tempo, i progressi tecnologici e le iniziative per rendere disponibili copie digitali dei manoscritti online hanno solo recentemente permesso di effettuare confronti ravvicinati tra i programmi visivi delle sue opere.

Earl Jeffrey Richards, David J. Wrisley e Liliane Dulac, The Different Styles of Christine de Pizan: An Initial Stylometric Analysis, Le Moyen Français, Vol. 78/79 (2016)

Questo articolo tenta di identificare i diversi stili impiegati da Christine de Pizan in tutte le sue opere utilizzando l’analisi stilometrica basata empiricamente.

Maria Ascenção Ferreira Apolonia, Lettera al dio dell’amore (1399): il primo litigio letterario creato da una donna che si trova in lingua francese, Acta Scientiarum: Lingua e cultura, Vol. 37:3 (2015)

Lettera al dio dell’amore (1399) è il primo litigio letterario sorprendentemente istituito da una donna che si trova in lingua francese. Christine de Pizan va alla corte del palazzo per difendere le donne rispondendo contro la misoginia presente in Roman de la rose. Il nostro obiettivo è analizzare il discorso di Christine de Pizan nel contesto del Medioevo.

Kristin Leigh Erika Bourassa, Consigliere Carlo VI di Francia: Christine de Pizan, Honorat Bovet, Philippe de Mézières e Pierre Salmon, Tesi di dottorato, Università di York, 2014

Scrittori durante i regni di Carlo V (r. 1364-80), Carlo VI (r. 1380-1422), e Carlo VII (r. 1422-61) ha prodotto una grande quantità di ciò che Jean-Philippe Genet ha indicato come “letteratura”, un termine che utilmente evita di catalogare i libri e le poesie secondo le moderne definizioni di genere come “specchio per principi.”

Maryann Corbett, Ballade III di Christine de Pizan, Transfert: Vol. 1 (2013)

Mi è capitato per la prima volta il lavoro di Christine de Pizan per la sfida di un poeta, alla ricerca di una poetessa donna meno conosciuta da tradurre.

Eva M. Jones, Storiografia femminile nella letteratura europea tardo medievale: Giovanni Boccaccio, Geoffrey Chaucer e Christine de Pizan, tesi di dottorato, Università di Rhode Island, 2013

Esamino le autorevoli e latine Donne famose di Boccaccio (1361) e le sue rielaborazioni in La leggenda delle buone donne di Chaucer (1386-1394) e Il Libro della città delle signore di Christine de Pizan (1405).

Vickie Mann, Christine de Pizan e Storia Sacra, Academic Leadership Journal in Student Research, Vol. 1 (2013)

Christine de Pizan è stato un autore che vive nel 15 ° secolo in Francia i cui scritti hanno evidenziato le azioni coraggiose delle donne che hanno contribuito a rafforzare la loro società.

Stephen H. Rigby, Il corpo politico nel pensiero sociale e politico di Christine de Pizan, Cahiers de recherches médiévales et humanistes (2013)

Qui si sostiene che, mentre Christine ha sottolineato l’importanza della reciprocità e della mutualità all’interno della comunità politica, ha anche sottolineato la necessità di gerarchia e deferenza e che, anche per gli standard medievali, era profondamente sospettosa del coinvolgimento popolare nella vita politica.

Merve Aydogdu, L’egualitarismo cristiano: Il libro della città delle signore contro la Bibbia, Idil Sanat ve Dil Dergisi, Vol. 1 (2012)

Le sue storie funzionano come una risposta a quelle della Bibbia e cercano di confutare il travisamento delle donne in esso. Quindi, non sarebbe sbagliato affermare che fu tra i primi difensori dell’uguaglianza tra i sessi e che fu abbastanza coraggiosa da resistere al libro sacro.

Johannes Franciscus Aussems, Christine de Pizan: the Scribal Fingerprint, Tesi di dottorato, Università di Edimburgo, 2011

Questa tesi riguarda i manoscritti supervisionati delle opere di Christine de Pizan (ca 1364-ca 1430), la prima autrice donna che poteva guadagnarsi da vivere con i prodotti della sua penna.

Barbara A. Goodman, La città delle signore; a Lady of Cities, Medieval Feminist Forum: A Journal of Gender and Sexuality, Vol. 45 (2009)

In tutti i testi, Christine e Melusine fungono da principali costruttori di città che progettano e costruiscono le loro città usando sia il cervello che le mani.

Lori J. Walters, Conflitti madre-figlia e loro risoluzione nelle opere di Christine de Pizan, Generationen und gender in mittelalterlicher und frühneuzeitlicher Literatur (2009)

La scrittrice francese del primo Quattrocento Christine de Pizan ebbe conflitti personali sia con la madre che con la figlia, come sappiamo dai passaggi autobiografici inclusi nelle opere che compose dal 1402 al 1405.

Susan Groag Bell, Christine de Pizan nel suo studio, Cahiers de recherches médiévales et humanistes (2008)

L’immagine di Christine nel suo studio è coinvolgente-mi aspetto che tutti coloro che conoscono il suo lavoro e hanno visto alcune delle illustrazioni nei suoi manoscritti la pensano allo stesso modo. Fin da quando sono stato coinvolto con lei sono stato sedotto dall’idea di questa donna straordinaria nella sua cella piena di libri, esponendo per la nostra gioia il suo amore per l’apprendimento e il suo piacere nel suo lavoro.

Jill E. Wagner, Christine de Pizan’s City of Ladies: A Monumental (Ri)construction of, by, and for Women of All Time, Medieval Feminist Forum: A Journal of Gender and Sexuality, Vol. 44:1 (2008)

Il libro di Christine de Pizan della Città delle signore, scritto oltre sei secoli fa, non è né semplice né semplicistico. Come la prima storia conosciuta delle donne nella civiltà occidentale da un punto di vista femminile, abbraccia tutte le donne virtuose anche al di là di quelle specificamente menzionate. Modellato come una città allegorica, dovrebbe essere considerato un potenziale contrafforte testuale per la coscienza femminista contemporanea.

Frances Malpezzi, Costruire una città di signore con Christine de Pizan e Arkansas State University onora gli studenti, Journal of the National Collegiate Honors Council (2006)

Nell’autunno del 2003 ho insegnato un seminario di onori presso l’Arkansas State University che ha impegnato gli studenti nell’atto di ri-visioning. Il corso si è concentrato sulle scrittrici medievali e moderne ed è stato progettato per dissipare l’idea sbagliata che i contributi letterari, artistici e culturali di queste donne fossero nulli o nella migliore delle ipotesi insignificanti.

Christine Reno, Enseignemens moraux di Christine de Pizan: buoni consigli per diverse generazioni (2005)

Christine de Pizan’s Enseignemens moraux, o insegnamenti morali, è una raccolta, nell’edizione moderna di Maurice Roy, di centotredici pepite di consigli morali e pratici indirizzati al figlio dell’autore.

Nadia Margolis, “Each…according…to his intention”: Three Phases of Christine de Pizan’s Literary Influence Through the Ages, Florilegium, Vol. 18:1 (2001)

Molti studiosi che partecipano all’attuale boom degli studi di Christine de Pizan tendono a pensare alla “scoperta di Christine” come a un fenomeno limitato agli ultimi trenta o addirittura dieci anni. In verità, però, Christine è stata viva nell’immaginario letterario occidentale—se non in modo sgargiante—fin dal XV secolo.

Renate Blumenfeld-Kosinski, il consiglio di Christine de Pizan alle prostitute, Newsletter femminista medievale Vol. 27 (1999)

Nella Parigi tardo medievale, le prostitute erano ovunque, a quanto pare. Guardando la mappa pubblicata nello studio di Bronislaw Geremek sui margini della società medievale si ha l’impressione che le prostitute non fossero affatto marginali, almeno per quanto riguarda le loro posizioni.

Sapete di altri articoli che dovrebbero essere inclusi in questa lista? Fatecelo sapere via email a [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *